Sentenza CTP Milano 7878/2015 - imposta sostitutiva plusvalenza immobiliare - errori formali - lisconsorzio necessario - connessione


COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MILANO
SENTENZA N. 7878/2015 

Il contribuente, grazie all'intervento dello Studio, ha ottenuto l'annullamento totale di un avviso di accertamento di oltre 300.000 €. L'Agenzia delle Entrate, con l'atto impugnato, aveva disconosciuto, per motivi formali, l'applicazione dell'imposta sostitutiva della plusvalenza immobiliare.
La pronucia offre anche interessanti spunti di diritto processuale in tema di litisconsorzio necessario tra soci e società di persone, nonchè in tema di riunione per connessione e legittimazione attiva della società cancellata dal registro delle imprese.